CIWF Logo Food Business
Search icon

Se motivate a farlo, le aziende alimentari possono dare il via a cambiamenti rapidi e decisivi da cui possono trarre beneficio milioni di animali ogni anno.

Impact Diagram 2020 IT

IMPATTO COMPLESSIVO SUGLI ANIMALI – OLTRE 2 MILIARDI!

Premi che cambiano milioni di vite

Piglets Asleep In Field 2000x1300.jpg
Per il benessere di oltre 641 milioni di animali all’anno

Possono aggiudicarsi i nostri prestigiosi premi le aziende e i marchi che rispondono ai criteri stabiliti, o perché allevano gli animali in sistemi maggiormente rispettosi del loro benessere o perché hanno sottoscritto l’impegno ad adottare questi sistemi entro un massimo di cinque anni.

Esistono varie categorie di prodotti per cui candidarsi: carni fresche e congelate, uova intere, latte liquido, prodotti a base di carne o contenenti uova, latticini e prodotti contenenti derivati del latte.

La possibilità di sottoscrivere un impegno e le diverse categorie consentono alle aziende di migliorare progressivamente il benessere animale nelle diverse filiere. 

Impatto per specie

Premio
(prima edizione)
  Animali Numero di animali che traggono beneficio Numero di vincitori
Good Egg
(2007)
Good egg award
Galline ovaiole 99.274.263 762

Good Chicken (2010)

Good chicken award
Polli da carne 243.139.107 102
Good Dairy
(2011)
Good dairy award
Vacche da latte e vitelli 603.533 76
Good Pig 
(2012)
Good pig award
Scrofe e suini da carne 3.104.256 77
Good Rabbit 
(2015)
Good rabbit award
Fattrici e conigli da carne 8.434.749 25
Good Turkey 
(2019)
Good turkey award
Tacchini 1.273.500 4
Good Pig Production - Cina
(2014)
Other award
Scrofe e suini da carne 2.470.979 69
Good Egg Production - Cina
(2017)
Other award
Galline ovaiole 357.829 17
Good Chicken Production - Cina
(2017)
Other award
Polli da carne 281.445.401 19
Altri Premi
(2017 & 2018)
Other award
  1.020.800 2
Total**    


641.124.418

1153

**I dati non comprendono quelli delle aziende a cui negli anni sono stati ritirati i Premi e comprendono i vincitori dei Premi Innovazione. A causa della pandemia di Coronavirus nel 2020 non ci sono stati vincitori dei Premi Good Egg Production e Good Chicken Production in Cina.

Nel 2016 abbiamo allineato il nostro Premio Good Egg al movimento verso sistemi alternativi alle gabbie, richiedendo l'estensione degli impegni ad abbandonare le gabbie nelle filiere di uova in guscio anche agli ovoprodotti.

Nel 2017, abbiamo allineato il nostro Premio Good Chicken con i requisiti dello European Chicken Commitment, aggiungendo i criteri relativi all'utilizzo di razze approvate, l'adozione della pratica dello stordimento in atmosfera controllata e i controlli di conformità da parte di un ente terzo.

Insieme possiamo cambiare il mondo

Calves In Field 2000x1300.jpg
398 milioni di animali possono avere condizioni di vita migliori grazie ai nostri progetti di collaborazione con le aziende

Lavoriamo in collaborazione con le principali aziende alimentari per supportarle nell'individuazione di soluzioni a specifiche problematiche di benessere, nell'inclusione di buone pratiche e nel facilitare l'implementazione degli impegni nelle proprie filiere.

Implementazione degli standard dello European Chicken Commitment (ECC)

Con l'aumento delle sottoscrizioni allo European Chicken Commitment, le aziende si stanno rivolgendo al team del Settore Alimentare per un supporto nell'implementazione dei nuovi standard, sia in Europa che negli USA, indipendentemente da dove viene prodotto il pollo del proprio approvvigionamento.

Finora, questo programma di collaborazione con le aziende alimentari ha contribuito alla realizzazione di impegni che miglioreranno le condizioni di vita di oltre 1.1 miliardi* di polli ogni anno.

Compassion promuove il cambiamento attraverso diversi strumenti: 

  1. Collaborando con le aziende allo sviluppo di una tabella di marcia per l'implementazione degli standard, in particolare supportando il riconoscimento in azienda dell'importanza del tema, fornendo strumenti per la mappatura delle filiere, proponendo soluzioni a eventuali ostacoli nella transizione e fornendo strumenti utili per la comunicazione al consumatore e il marketing dei nuovi prodotti
  2. Organizzando eventi di settore in cui i diversi rappresentanti dell'industria condividono le loro esperienze nella transizione agli standard di ECC, durante i quali vengono forniti aggiornamenti sulle nuove ricerche scientifiche e sono discussi i prossimi passi per progredire nella transizione
  3. Partecipando a gruppi di lavoro organizzati dall'industria su alcuni temi chiave per aiutare a risolvere eventuali ostacoli nella transizione, ad esempio: identità visiva e comunicazione al consumatore, disponibilità di razze alternative, collaborazioni tra aziende, pratiche di stordimento elettrico efficaci senza inversione di animali vivi
  4. Collaborando con i principali schemi di certificazione per incoraggiarli a sviluppare degli standard adeguati per il monitoraggio dei requisiti dello European Chicken Commitment.

*Numero di animali che beneficeranno (ogni anno) grazie al lavoro portato avanti dai vincitori dei Premi, dagli impegni presi dalle aziende e dai progetti di collaborazione. 

Nuovo livello di benessere Enhanced Welfare della certificazione Red Tractor nel Regno Unito

Compassion ha collaborato con Red Tractor per la definizione di un nuovo modulo 'Maggiore Benessere'  (Enhanced Welfare), un'etichetta di benessere per i polli allevati al coperto secondo migliori standard di benessere in linea con i requisiti dello European Chicken Commitment.

Il nuovo livello rappresenta una certificazione di terza parte già pronta per le aziende che desiderano rifornirsi da produttori che rispettano questi standard; l'etichetta permette inoltre alle aziende di differenziare la propria offerta di pollo che rispetta standard migliori di benessere da quella proveniente da sistemi convenzionali.

Red Tractor New Module June 2020

Casino e il primo sistema di etichettatura sul metodo di produzione in Francia

Compassion ha collaborato con il supermercato francese Casino e altre due organizzazioni che si occupano di benessere animale, LFDA  e OABA, per lo sviluppo del primo sistema di etichettatura sul benessere animale in Francia. L'etichettatura è ora gestita indipendentemente da AEBEA (Association Etiquette Bien-être Animal).

Etiquettebeavisuels

La prima parte del progetto prevedeva lo sviluppo e il lancio del nuovo sistema di etichettatura per il pollo da carne. Il benessere animale è classificato tramite una scala a cinque livelli (dalla lettera A alla E), dove il livello C corrisponde agli standard di allevamento previsti dallo European Chicken Commitment.

AEBEA sta attualmente lavorando con i propri partner per lo sviluppo di un sistema di valutazione simile per il suino.

Il sistema di etichettatura attualmente comprende quattro ONG che si occupano di benessere animale (CIWF, LFDA, OABA, Welfarm), tre catene di supermercati (Casino, Carrefour, Système U) e tre produttori di carne (Les Fermiers de Loué, Les Fermiers du Sud-Ouest, Galliance).

Global Animal Partnership

GAP Wholefoods logo 335x317.jpg

Compassion ha collaborato con Global Animal Partnership (GAP) e il loro programma di valutazione nordamericano 5-Step® per quasi un decennio, al fine di migliorare e definire i loro standard di benessere animale su tutte le specie.

Nel 2016 GAP ha sottoscritto il Better Chicken Commitment negli USA con il proprio programma 5-Step® e insieme al proprio principale cliente, la catena leader di supermercati degli Stati Uniti Whole Foods Market, ha vinto un Premio Special Recognition di Compassion.  

Uno dei principali progetti commissionati da GAP riguarda l'analisi di una serie di indicatori di benessere su 20 diverse razze di pollo per valutare quale verrà approvata dal programma 5-Step® e il Better Chicken Commitment negli Stati Uniti. 

Knorr (Unilever)

Knorr logo 335x354.jpg

Knorr, il marchio più grande di Unilever, collabora con Compassion nell'ambito del proprio impegno a rifornirsi, per le carni usate per i dadi da brodo (carni di pollo, bovino e suino), solamente da sistemi più rispettosi del benessere animale. Grazie a questo progetto altamente ambizioso, Knorr si è aggiudicata il Premio Special Recognition nel 2015, ed è stata il principale catalizzatore delle pressioni delle ONG per la sottoscrizione del Better Chicken Commitment.

In aggiunta all'impegno di Knorr, Unilever ha sottoscritto negli USA il Better Chicken Commitment 2024 e a settembre 2017 si è impegnata a rispettare i criteri della richiesta unificata a livello europeo, European Chicken Commitment, entro il 2026, impegno che in futuro migliorerà la vita di 102 milioni di pollo ogni anno.

Investire in sistemi senza gabbie adeguati

La conversione degli allevamenti in gabbia per le galline ovaiole richiede che i nuovi sistemi siano ‘adatti allo scopo’, per assicurare che le galline possano godere di una qualità di vita migliore, e ‘adatti al futuro’, cioè capaci di rispondere alle sfide future. Guarda questo video per scoprire di più.

C’è il rischio i sistemi in gabbia attualmente in uso vengano sostituiti con alcune tipologie di sistemi multipiano a carattere altamente intensivo – soprattutto per il mercato delle uova a basso prezzo – in cui i benefici per le galline solo molto limitati.

Sul mercato sono presenti molte tipologie diverse di sistemi multipiano e aviari – dai più intensivi come i sistemi combinati a voliere molto spaziose e ben progettate. Compassion ha collaborato con l’industria delle uova, con i produttori e con i produttori di strutture di allevamento per sviluppare le proprie linee guida sui sistemi multipiano. Leggi l’opuscolo a questo link per scoprire di più.

Nel Regno Unito, Compassion ha collaborato con il British Egg Council, la catena di supermercati Tesco e il principale produttore di uova del paese, Noble Foods, per introdurre un nuovo standard nella produzione di uova a terra nel mercato nazionale, i cui requisiti di benessere superano gli standard minimi della normativa europea e persino i criteri della certificazione KAT in Germania. Noble Foods ha lavorato in collaborazione Vencomatic, una delle principali aziende che producono strutture di allevamento in Europa, per convertire uno dei loro più grandi allevamenti in gabbia in un sistema a terra multipiano che possa garantire maggiori standard di benessere. Guarda il video qui.

In Italia, il team del Settore Alimentare continua a lavorare con l'industria alimentare e con i principali produttori di uova per favorire l'eliminazione dei sistemi combinati e il passaggio a strutture multipiano ben progettate.

Influenzare l'industria suinicola

La normativa europea prevede degli standard minimi per la protezione delle scrofe e dei suini da carne, ma la conformità a questi standard è problematica e sussistono ancora gravi preoccupazioni per il benessere di questa specie. In tutta Europa, molte scrofe passano ancora quasi la metà della loro vita rinchiuse in gabbia e la maggior parte dei suini vive in ambienti spogli, senza la possibilità di esprimere i propri comportamenti naturali, ed è soggetta a mutilazioni di routine prima dei 7 giorni di vita, come il taglio della coda e la castrazione.

Tramite il nostro programma di Premi collaboriamo con alcune aziende della grande distribuzione inglesi, il distributore inglese Winterbotham Darby e i principali produttori di carne suina in tutta Europa per migliorare il benessere delle scrofe. L'obiettivo è quello di passare ad allevamenti senza gabbie per le scrofe sia in gestazione che nella fase di allattamento, fornendo materiale manipolabile adeguato per la costruzione del nido. Leggi il caso di studio sulla partnership tra l’azienda italiana Fumagalli, Winterbotham Darby e Waitrose a questo link.

Lavoriamo anche con l’industria suinicola in Europa per promuovere migliori pratiche di allevamento al fine di garantire ai suini migliori condizioni ambientali, compresa la presenza di materiale di arricchimento manipolabile e la possibilità di esprimere i propri comportamenti naturali come grufolare, al fine di rendere possibile il graduale abbandono della pratica del taglio della coda.

In Europa, i suini allevati per la produzione di prosciutti e salumi stagionati generalmente subiscono la castrazione prima dei 7 giorni di vita, poiché vengono ingrassati fino a dopo la pubertà, periodo oltre il quale diventerebbero sessualmente aggressivi e troppo magri per dare una carne adatta. Ci stiamo impegnando a cambiare gli attuali metodi di castrazione chirurgica dei lattonzoli maschi incoraggiando investimenti in alternative maggiormente rispettose del benessere animale, attraverso la collaborazione con la grande distribuzione organizzata e gli allevatori di suini di tutta Europa.

Pratiche migliori per il benessere delle vacche da latte

Lavoriamo a stretto contatto con i vincitori del nostro Premio Good Milk e con altre aziende lattiero-casearie per migliorare il benessere delle vacche da latte e dei vitelli, introducendo il monitoraggio di alcuni indicatori di benessere per le vacche da latte e programmi di miglioramento continuo. Un esempio di questo tipo di collaborazione è il lavoro di lunga data portato avanti con Danone in Francia.

Danone Logo 335x162.jpg

Danone ha iniziato a lavorare con Compassion nel 2011, sviluppando delle linee guida sul benessere animale per gli allevatori. Da allora, la collaborazione si è evoluta risultando nello sviluppo di un protocollo di valutazione che Danone ha testato con successo negli allevamenti di vacche da latte delle sue filiere spagnole e che estenderà in tutte le filiere globali dell’azienda, partendo dalla Francia.

Altri progetti

Amadori logo

Compassion ha collaborato con Amadori, una delle aziende leader nella produzione di carni avicole in Italia, per il miglioramento della salute delle zampe nei polli allevati per il marchio 10+ e per lo sviluppo di un programma di miglioramento continuo nelle filiere.

Sodexo logo 175px

Compassion ha supportato Sodexo nello sviluppo della loro politica di benessere animale e di un insieme di strumenti per assicurare che tutti i loro fornitori di prodotti animali sottoscrivano la Carta per il benessere animale di Sodexo. Leggi la loro politica di benessere qui.

Terrena logo 335x198.jpg

La collaborazione con la cooperativa di produttori francese Terrena ha dato vita al piano strategico per il benessere animale 2020, che riguarderà diverse specie tra cui l’allevamento senza gabbie per i conigli da carne, sistemi di allattamento libero per le scrofe e sistemi di allevamento per i polli da carne al coperto più rispettosi del benessere animale.

Politiche di impegno delle aziende

Hen in poppies 2000x1300.jpg
Lavorando direttamente con aziende alimentari di primo piano, il nostro lavoro ha permesso a oltre 1 miliardo di animali ogni anno di trarne beneficio

Compassion collabora con le aziende alimentari per incoraggiarle a introdurre miglioramenti significativi per gli animali allevati nelle loro filiere e a comunicare pubblicamente i loro impegni.

Negli ultimi anni, grazie alle pressioni dei consumatori e degli investitori, e a dinamiche di mercato, si è assistito a un forte aumento degli impegni ad abbandonare i sistemi in gabbia per le galline ovaiole e a migliorare il benessere animale dei polli da carne, da parte di tutta l’industria alimentare.

Sistemi senza gabbie per le galline ovaiole

Il 2016 è stato un anno veramente notevole per il benessere delle galline ovaiole. Siamo stati infatti testimoni di un’ondata di impegni a smettere di vendere/utilizzare uova da galline allevate in gabbia da parte delle più influenti aziende alimentari globali, un percorso iniziato nel 2015 negli USA con la scelta di McDonald’s e che ha poi coinvolto altre 200 aziende statunitensi, tra cui Walmart, il più grande supermercato degli Stati Uniti.

Gli impegni si sono susseguiti rapidamente anche in Europa, con annunci pubblici da parte di aziende come Tesco, Aldi, Morrisons, Iceland, Lidl e Asda nel Regno Unito, 7 degli 8 principali supermercati in Francia, 7 dei 10 principali supermercati in Italia e giganti globali come Sodexo, Compass ed Elior.

Tra i molteplici fattori che hanno influenzato queste decisioni aziendali, Compassion è onorata di avere giocato un ruolo importante con alcune delle realtà più grandi:

  • Negli USA – le principali catene di ristoranti (McDonald’s, Panera Bread e Taco Bell), la principale azienda di ristorazione collettiva Aramark e i supermercati leader sul territorio americano (Walmart, Costco, Trader Joe’s, Publix e Ahold/Delhaize).
  • In Europa – Casual Dining Group e Whitbread nel Regno Unito; Casino, Intermarché, Auchan, Carrefour, E.Leclerc, Systéme U e Gruppo Avril (principale produttore francese di uova) in Francia; il leader italiano della GDO Conad e le aziende della ristorazione Camst, MARR e Autogrill in Italia.
  • A livello globale – Sodexo, Gruppo Elior e Gruppo Compass, le più grandi aziende di ristorazione a livello globale, Nestlé e la multinazionale francese Danone.

Si stima che più di 70 milioni di galline ovaiole trarranno beneficio quando gli impegni di queste aziende saranno in essere.

Lavoriamo con le aziende per assicurarci che gli impegni ad abbandonare le gabbie vengano rispettati tramite il nostro Report EggTrack, (Report EggTrack Europeo/ Report EggTrack USA), che traccia lo stato di avanzamento degli impegni ad abbandonare le gabbie; forniamo inoltre supporto tecnico riguardo quali siano le caratteristiche necessarie per un buon sistema alternativo alle gabbie. Scopri di più qui.

Sistemi maggiormente rispettosi per i polli da carne

È facile visualizzare il confinamento delle galline in una gabbia, eppure l’animale maggiormente allevato sul pianeta – il pollo – passa la sua breve esistenza in una “gabbia fisiologica”, costretto dal suo tasso di crescita rapida e dal suo corpo smisurato e allevato in capannoni sovraffollati.

Il continuo lavoro di ricerca svolto da Compassion con le aziende del settore alimentare per identificare soluzioni alle problematiche delle filiere e per stimolare un mercato con migliori standard di benessere animale, ha avviato una rivoluzione in tema di benessere dei polli.

A novembre 2016, nove importanti ONG americane (compresa CIWF) si sono riunite e hanno concordato una “richiesta unificata” indirizzata alle aziende del settore in merito al benessere dei polli. A oggi più di 180 aziende americane (tra cui Subway, Burger King e Kraft Heinz) hanno aderito alla richiesta con lo scopo di raggiungere gli standard del Better Chicken Commitment USA entro il 2024.

A settembre 2017, Compassion si è incontrata con altre ONG europee per concordare una “richiesta unificata” in Europa, simile a quella americana, da attuarsi entro il 2026. Attualmente, oltre 120 aziende hanno sottoscritto gli standard dello European Chicken Commitment.

In particolare, gli standard dell'ECC richiedono alle aziende di ridurre la densità massima di allevamento a 30 kg/m2, adottare genetiche che mostrino migliori indicatori di benessere, fornire disponibilità di luce naturale, substrati da becchettare e trespoli, introducendo sistemi di stordimento efficaci e audit di parte terza per verificare il rispetto degli standard.

Compassion ha collaborato con alcune delle aziende alimentari che hanno recentemente aderito ai Better Chicken Committments.

  • Negli USA – Whole Foods Market è stata la prima grande azienda leader del settore ad aderire alle nuove richieste di benessere per i polli entro il 2024. Sono stati subito seguiti dalle cinque più importanti aziende di ristorazione: Compass Group, Aramark, Sodexo, Centerplate e Delaware North, oltre ad alcune catene di ristoranti come Subway e Panera Bread. Più di recente, Popeyes, B.Good e HelloFresh si sono aggiunte alla lista. Leggi l’elenco completo di aziende americane che hanno deciso di aderire agli standard qui.
  • In Europa – leader dell'industria come KFC, M&S, Unilever, Nestlé, Waitrose, Danone, il Gruppo Elior, Sodexo, Intermarché e Carrefour hanno aderito ai nuovi standard europei di benessere per i polli, impegnandosi a rispettare i criteri richiesti entro il 2026. Leggi la lista completa qui.

Diamo energia all'investimento etico

Shoal of sardines 2000x1300.jpg
L’analisi di benchmark sugli standard di benessere animale (BBFAW), strumento potente per una nuova industria alimentare

BBFAW stila una classifica accessibile a tutti delle principali aziende alimentari, in base alle loro policy e alle loro pratiche di benessere animale.

Nell'ottava edizione del benchmark, 30 delle 150 aziende analizzate sono salite di almeno una posizione rispetto alla classifica dell’anno precedente, grazie ai miglioramenti nelle loro politiche, pratiche e performance di benessere animale e alle relative comunicazioni pubbliche. Il team del Settore Alimentare di Compassion ha collaborato attivamente con 13 di queste 30 aziende. 

BBFAW continua a portare avanti il Global Investor Statement on Farm Animal Welfare e ad agosto 2019, 31 società d'investimento che gestiscono complessivamente un patrimonio di oltre 2600 miliardi di euro hanno sottoscritto la dichiarazione.

BBFAW convoca e presiede inoltre la Global Investor Collaboration on Farm Animal Welfareun impegno di collaborazione tra i maggiori investitori istituzionali e le aziende del settore alimentare sulle problematiche relative al benessere degli animali d'allevamento. 

BBFAW gestisce inoltre ampi programmi di coinvolgimento con le aziende e con gli investitori, e fornisce guide pratiche e strumenti tecnici relativi ai problemi chiave di benessere animale.

BBFAW è gestito da un segretariato indipendente ed è cofinanziato da Compassion in World Farming e World Animal Protection. Dal 2014 al 2017 il programma è stato in parte finanziato anche dalla società di investimenti Coller Capital.

CIWF WAP logos 2000x700.jpg

Consumatori consapevoli

Cow by cow parsley 2000x1300.jpg
Diffondiamo informazioni su migliori standard di benessere animale a oltre 4,5 miliardi di consumatori

Grazie alle attività sui media e alle operazioni di marketing condotte dai nostri partner, riusciamo a raggiungere una grande varietà di consumatori.

I vincitori promuovono i loro Premi e i prodotti maggiormente rispettosi del benessere animale attraverso diversi canali, come pubblicità, campagne all’interno degli esercizi commerciali e social media. 

Waitrose & Partners ha ricevuto il Premio Migliore Comunicazione nella GDO 2019 per l'efficacia e l'alto livello delle loro comunicazioni ai consumatori sul tema del benessere degli animali d'allevamento nella loro ultima campagnia di re-branding Waitrose & Partners. La campagna si concentra sul ruolo dei Responsabili Agricoltura e Acquacultura dell'azienda: tramite le comunicazioni nei punti vendita, Waitrose vuole mostrare in che modo lavora per rispettare i propri impegni in tema di benessere animale. Guarda il video per scoprire di più.

Il Premio Migliore Comunicazione 2018 è stato assegnato all’azienda di produzione olandese Kipster, per lo sviluppo e la promozione del "primo uovo a impatto zero". Grazie a diverse attività di marketing e alla forte partnership con Lidl, i loro prodotti sono andati sold-out nei negozi, prova di come i consumatori supportino prodotti che non sono solo maggiormente rispettosi del benessere animale ma anche sostenibili. Guarda il video per scoprire di più.

Scopri di più sui vincitori del nostro Premio Migliore Comunicazione nella GDO qui e sui vincitori dei Premi Migliore Comunicazione riconosciuti ad aziende di altri settori qui

Altri esempi di rilievo:

Aldi Italia ha promosso il proprio Premio Good Egg attraverso diversi canali raggiungendo oltre quattro milioni di consumatori.

Aldi Italy

La campagna marketing di Philadelphia legata alla Menzione d’Onore Good Milk nel 2014 ha raggiunto, secondo le stime, 14 milioni di consumatori nel Regno Unito, in Belgio, Paesi Bassi e Lussemburgo.

Philly New

La promozione sui voli KLM del Premio Good Chicken vinto dalla compagnia aerea ha raggiunto secondo le stime 3 milioni di passeggeri.

KLM Box

La catena di supermercati tedesca che vende alimenti per animali domestici Dokas, ha promosso gli standard di maggiore benessere rispettati nelle proprie filiere di coniglio raggiungendo oltre 3 milioni di consumatori.

Dokas

Quando fate la spesa, cercate il logo dei nostri premi sui prodotti e nei negozi che amate di più.

Siete interessati a promuovere i vostri prodotti rispettosi di maggiori standard di benessere? Prendete ispirazione dal nostro video sul marketing!

La trasparenza è il nostro impegno

Sheep on hill 2000x1300.jpg
Quando le aziende rinunciano agli impegni sottoscritti

Purtroppo non tutti i nostri vincitori mantengono sempre gli impegni. Comunichiamo in maniera trasparente quali sono le aziende che hanno sottoscritto pubblicamente degli impegni ma che poi non hanno mantenuto le promesse ai consumatori.

A oggi, queste promesse non mantenute avrebbero potuto permettere a oltre 180 milioni di animali di trarne beneficio ogni anno.

Premio Good Egg

  • Morrisons (Regno Unito) - Premio ritirato nel 2012 e ripristinato nel 2018. A febbraio 2020, Morrisons ha annunciato di avere raggiunto l'obiettivo di vendere solo uova in guscio da allevamenti all'aperto con 2 anni di anticipo rispetto al proprio obiettivo iniziale.

Premio Good Chicken

  • ValVerde (Italia) - Premio ritirato nel 2019
  • Sainsbury's (Regno Unito) - Premio ritirato nel 2018
  • IKEA (UE) - Premio ritirato nel 2017
  • Coop Italia (Italia) - Premio ritirato nel 2015
  • Amadori marchio 10+ (Italia) - Premio ritirato nel 2015
  • Coop (UK) - Premio ritirato nel 2014

Premio Good Milk

  • ASDA (Regno Unito) - Premio ritirato nel 2015

Perché le aziende annullano gli impegni sottoscritti, soprattutto nel caso dei polli da carne?

Collaboriamo a stretto contatto con le aziende a cui abbiamo assegnato un Premio, per aiutarle a realizzare i loro impegni in materia di benessere animale.

Prima che si ritirino dal Premio, cerchiamo sempre un’alternativa. Ma se la policy aziendale è cambiata e non rispetta più i requisiti per il premio (o per i premi), non abbiamo altra scelta che ritirare il riconoscimento e darne notizia sul nostro sito.

Come tutte le altre decisioni aziendali, gli impegni che riguardano il benessere animale dovrebbero tenere conto di un arco di tempo lungo, di risorse e dedizione sufficienti per assicurarsi di raggiungere gli obiettivi.

Non tutte le aziende sono però in grado di rispettare le promesse.

I motivi sono molti, tra questi si annovera spesso la crisi finanziaria. Fra le aziende che fanno marcia indietro riguardo agli impegni sottoscritti per il benessere animale, purtroppo quelle che lavorano con i polli da carne sono spesso le prime. Questo perché:

  • I polli sono considerati un bene primario di largo consumo (come il latte) e non esseri senzienti
  • È un settore produttivo che privilegia la resa e tende ad abbattere i costi
  • È relativamente facile per le aziende fare molti più soldi (e ottenere margini lordi più alti) semplicemente aumentando il numero di animali nei capannoni, aggiungendo anche solo 2 animali a metro quadro
  • Aumentare la densità di allevamento dei polli in un capannone non comporta alcun cambiamento strutturale

I polli vanno al macello a un’età bassissima (da 33 giorni in poi) e poiché sono sovradimensionati e allevati a densità elevate, non sono in grado di esprimere comportamenti naturali. Se avessero a disposizione un ambiente adeguato, più spazio, arricchimenti ambientali e la possibilità di comportarsi come polli, allora forse si comincerebbe a considerarli esseri senzienti. E se tutti li considerassimo esseri senzienti, allora pretenderemmo che siano allevati in sistemi più rispettosi del loro benessere, cosa che migliorerebbe sensibilmente la qualità della loro vita (così come la qualità di quello che mangiamo).

Per sapere come lavora e che strumenti offre il nostro team del Settore Alimentare, clicca qui.