CIWF Logo Food Business
Search icon

Gruppo Barilla completa la transizione: 100% della filiera di uova senza gabbie

News Section Icon Pubblicato 19/07/2019

Da luglio 2019 il Gruppo Barilla utilizza solo uova da allevamenti alternativi alle gabbie in tutte le filiere dei Paesi in cui opera nel mondo. In seguito al completamento della transizione negli Stati Uniti, in Turchia e in Brasile, l'azienda ha infatti raggiunto il proprio impegno a utilizzare solo uova da allevamenti a terra su tutte le proprie filiere, in anticipo rispetto all'obiettivo 2020 inizialmente prefissato. L'attuazione di questo impegno permette a circa due milioni di galline di vivere ogni anno una vita migliore.

Barilla collabora da anni con Compassion in World Farming e, dopo questo primo importante successo appena raggiunto, il suo impegno per assicurare standard migliori di benessere per le galline ovaiole continua: il Gruppo è infatti impegnato in diverse attività di mappatura delle proprie filiere per assicurare che gli allevamenti di provenienza delle uova permettano un effettivo miglioramento alle necessità di benessere delle galline e, allo stesso tempo, possano continuare a rispondere alle aspettative future dei consumatori, sempre più attenti a questi temi.

Leonardo Mirone, Direttore Acquisti Materie Prime di Barilla, ha commentato: "Questa sfida è figlia del nostro percorso di sostenibilità “Buono per te, Buono per il Pianeta” cominciato nel 2010. Contestualmente al cambio della legislazione europea sugli allevamenti delle galline ovaiole entrata in vigore nel 2012, grazie anche al supporto di Compassion abbiamo deciso di sfidarci non solo in Europa ma in tutto il mondo. Abbiamo deciso così che avremmo eliminato tutte le gabbie dalla filiera delle uova entro il 2020 e siamo orgogliosi di esserci riusciti anche con un anno di anticipo. Questa non è l’unica sfida vinta, ad esempio siamo riusciti anche a diventare un’azienda Animal Test free."

A testimonianza dell'impegno dell'azienda in tema di benessere animale, Barilla ha ricevuto in questi anni quattro Premi Benessere Animale e, nel 2018, si è confermata l'azienda italiana posizionata più in alto nella classifica del benchmark globale sul benessere degli animali BBFAW.

Elisa Bianco, Responsabile del Settore Alimentare di Compassion in Italia, ha commentato"È un estremo piacere per noi potere collaborare con una realtà leader internazionale come Barilla, che da anni dimostra grande attenzione e impegno al miglioramento del benessere animale nelle proprie filiere. Ci complimentiamo con Barilla per il raggiungimento di questo importante traguardo e non vediamo l'ora di continuare a collaborare insieme lungo questo percorso."