CIWF Logo Food Business
Search icon

KFC pubblica i progressi annuali sul benessere dei polli da carne

News Section Icon Pubblicato 29/07/2020

Il report sul benessere dei polli di KFC

La catena leader dei fast food KFC ha recentemente pubblicato la prima edizione di quello che diventerà un bilancio annuale sui progressi fatti dall'azienda verso il miglioramento del benessere dei polli da carne allevati nelle proprie filiere.

Shutterstock 1228945870

Per anni KFC ha dimostrato che il benessere animale è un valore importante per l'azienda, riconoscendo formalmente gli animali come esseri senzienti nelle proprie politiche, utilizzando 100% di uova da galline allevate all'aperto e, più recentemente, essendo tra i primi del proprio settore a sottoscrivere gli standard dello European Chicken Commitment.

Il report annuale sullo stato di avanzamento del benessere dei polli dimostra piena trasparenza, evidenziando le aree di crescita e fornendo i dati necessari per contribuire a migliorare la propria filiera. Nel rapporto viene presentato lo stato di avanzamento rispetto ad alcuni elementi fondamentali per il miglioramento del benessere dei polli, come la riduzione delle densità di allevamento, la presenza di luce naturale e il tipo di razza utilizzata - tutti criteri che fanno parte degli standard dello European Chicken Commitment.

Oltre a presentare indicatori di salute e benessere come il tasso di mortalità, l'uso di antibiotici e la salute delle zampe e dei garretti, KFC sta cercando di ampliare l'ambito di misurazione del benessere per includere anche degli indicatori comportamentali, e sta cercando di collaborare attivamente con fornitori e rivenditori tecnici per supportarli in questo progetto.

Monitorare il comportamento degli animali, insieme agli indicatori di salute e benessere, è importante in quanto fornisce una panoramica più generale di come l'animale si comporta in un particolare sistema. Ad esempio, cambiando la razza, questi indicatori permetteranno di valutare la capacità dei polli di esprimere i propri comportamenti naturali e quindi il loro livello di benessere mentale.

Sempre più spesso i consumatori si rivolgono alle grandi marche, che conoscono e di cui si fidano, affinché si assumano sempre di più la responsabilità di garantire che il cibo che producono e servono provenga da animali che sono stati trattati secondo standard più rispettosi. È fantastico vedere KFC impegnarsi per il benessere degli animali in modo così aperto, proattivo e intraprendente.

Tracey Jones, Direttore Globale del Settore Alimentare di Compassion, ha commentato: "L'impegno di KFC e la trasparenza nel riportare i progressi annuali rappresenta un brillante esempio di leadership e un approccio proattivo per migliorare la vita di milioni di animali d'allevamento. Dimostra che il benessere dei polli è realmente integrato nel DNA dell'azienda ed è un modo audace per comunicare i propri obiettivi. Noi supportiamo con tutto il cuore questa trasparenza.

"Non c'è mai stato un momento più adatto per migliorare il benessere degli animali d'allevamento e un vero e proprio spostamento del mercato verso standard di maggiore benessere per i polli è realizzabile solo se l'industria alimentare lavora insieme in questa direzione".

Anche Nando's sottoscrive migliori standard per i polli da carne

A conferma della crescente importanza del tema del benessere dei polli sia tra i consumatori sia tra i principali attori dell'industria alimentare, recentemente anche l'azienda di fast food inglese Nando's ha annunciato il proprio impegno a rispettare gli standard dello European Chicken Commitment entro il 2026. 

L'azienda ha lavorato duramente per mappare e conoscere le proprie filiere e ha partecipato attivamente alle discussioni positive dell'industria, come il forum europeo sui polli da carne organizzato da Compassion, acquisendo le conoscenze e la fiducia necessaria per assumere questo impegno.

La sottoscrizione degli standard per il miglioramento del benessere dei polli va a integrare la decisione di Nando's di utilizzare solo uova da allevamento all'aperto e latte biologico e si aggiunge alle loro strategie di approvvigionamento locale e da commercio equosolidale.